consigliato per te

  • in

    Ciclismo, Froome lascia la Ineos

    Un comunicato ufficiale del team Ineos ha messo fine alla storia d’amore e di vittorie tra Chris Froome e l’ex Sky: «A fine stagione il contratto non verrà rinnovato». Secco, essenziale, atteso eppure brutale nella sua lapidarietà. La notizia è che, comunque, il contratto di Froome non si arresterà al 1° agosto, ipotesi già emersa in precedenza, che aveva dato il la a una serie di ipotesi sulla nuova destinazione del quattro volte vincitore del Tour de France. Un minuto dopo il comunicato della Ineos, ecco quello della Israel Start-Up Nation: “Chris sarà un nostro nuovo corridore dal 1° gennaio”. Una svolta attesa, a conferma di voci che inseguivano da almeno un mese. Il gruppo sportivo israeliano, foraggiato dal magnate canadese Sylvan Adams, ha messo a segno un colpo sensazionale.A 35 anni, con un Tour davanti da vincere per entrare nel “club dei 5”, il Kenyano bianco si trova comunque di fronte a un muro e sarà molto difficile, a questo punto, che abbia un team tutto a sua disposizione per l’assalto alla Grande Boucle. Tanto più che la Ineos trabocca di capitani: Egan Bernal e Geraint Thomas scalpitano. Che sia in dubbio persino la presenza di Froome al prossimo Tour? Saranno settimane complicate per Sir Dave Brailsford. Che oggi dice solo: «Crediamo sia la decisione giusta. Chris ha diritto ad avere garantita la leadership in un team, cosa che noi non possiamo garantirgli». In maglia Sky Froome ha vinto tutto quel che ha vinto nella sua spettacolare carriera: 4 Tour, un Giro, una Vuelta, 46 vittorie dal 2011 fino al Giro 2018, l’ultima, la più bella e incredibile. Meno fortunata la sua carriera dopo il cambio di denominazione e colori. In maglia Ineos ebbe il terribile incidente nella ricognizione della crono del Delfinato, nel giugno 2019. Fratture multiple agli arti, lesioni al fegato, problemi a non finire per rimettersi in bici. Era tornato, a febbraio, ma le prime pedalate avevano acceso il campanello d’allarme: sarà ancora lo stesso Froome? Con la sua decisione Brailsford si è dato una risposta. Diversa da quella di Froome: «Sono focalizzato sulla conquista del mio quinto Tour con Ineos. La mia carriera comunque proseguirà e sono molto eccitato nel pensare alle nuove sfide che mi attendono».  LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, gli Europei si disputeranno a Plouay a fine agosto

    PLOUAY – Sarà la cittadina francese di Plouay ad ospitare, dal 24 al 28 agosto 2020, gli Europei di ciclismo su strada 2020. La decisione è stata presa dall’Uec, l’Union Européenne de Cyclisme. Situata nel cuore della Bretagna, nel distretto del Morbihan, Plouay da sempre è profondamente legata al ciclismo: ha ospitato 80 edizioni della […] LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, l'odissea di Carapaz: rischia mille km in bici per rientrare in Europa

    ROMA – L’odissea di Richard Carapaz. Il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia non riesce infatti a tornare in Europa a causa della chiusura delle frontiere dell’Ecuador, disposta per via del coronavirus. Prossima chance, un volo umanitario che potrebbe decollare il 19 o 20 luglio dalla Colombia. Per riuscire a prenderlo, Carapaz rischia di doversi fare 982,6 […] LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, il giorno in cui non partì il Tour

    In un presente distopico e soprattutto se mai si fosse presentato al mondo il Covid-19, oggi la Promenade des Anglais di Nizza sarebbe la strada più affollata e gialla del mondo. Oggi sarebbe dovuto partire il Tour de France, anticipato di una settimana rispetto al solito perché seguito, dopo la sua conclusione, dall’Olimpiade di Tokyo. […] LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, Roglic apre col botto: suo il campionato sloveno

    La prima gara Uci dopo la fine del lockdown porta una firma deluxe. Primoz Roglic ha vinto il campionato nazionale sloveno: il vincitore dell’ultima Vuelta ha staccato nell’ultimo tratto della salita che portava a Ambrož pod Krvavcem il giovane della Uae Emirates Tadej Pogacar. Terzo Matej Mohoric. I primi tre erano i grandissimi favoriti della […] LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, per Terpstra la paura è passata: lascia l'ospedale, ma niente Tour

    ROMA – Per Niki Terpstra è passata la grande paura. Il 33enne olandese della Total Direct Energie ha lasciato oggi l’ospedale dove era stato trasportato in elicottero lo scorso 16 giugno in seguito ad una caduta in allenamento. Un incidente dalla dinamica incredibile: Terpstra era caduto dopo aver urtato una pietra per evitare delle oche […] LEGGI TUTTO

  • in

    Ciclismo, Terpstra in terapia intensiva: caduto per evitare delle oche

    ROMA – In terapia intensiva per evitare delle oche. E’ la brutta avventura capitata ad uno dei corridori di punta delle classiche del nord, Niki Terpstra. Una caduta rovinosa che costerà al 33enne olandese della Total Direct Energie uno stop che potrebbe anche durare fino a tre mesi.  A forte rischio quindi l’appuntamento con il […] LEGGI TUTTO