consigliato per te

  • in

    Antonio Cargioli resta a Bergamo: “Post fata resurgo”

    Antonio Cargioli, centrale milanese classe 1994 di 2 metri, sceglie Bergamo per la quarta volta. Cresciuto pallavolisticamente tra Parma Modena e Reggio Emilia, poi trasferito a Bergamo dal 2017 è diventato un giocatore simbolo per quanto riguarda la maglia bergamasca, è infatti l’unico giocatore ad aver scelto il rossoblù per quattro stagioni consecutive nella storia di Bergamo dalla categoria della A2. Protagonista di una lunga serie di battaglie, tra le tante una prestazione superba in semifinale di Coppa Italia a Siena, medaglia d’oro in finale a fianco del compagno Signorelli (l’altra importante conferma al centro), Antonio ha fatto una scelta consapevole e lucida, oltre che primariamente dettata d’istinto dal cuore, e spiega le sue motivazioni ispirate e maturate in questi ultimi difficili mesi di pandemia che la città ha dovuto affrontare.
    Post fata resurgo: “dopo la morte mi rialzo”, è la locuzione latina che si usa per esprimere fiducia nella propria capacità di risollevarsi dalle disavventure e vincere le avversità del destino. Era il motto della Fenice risorta dalle proprie ceneri e con questo motto, Antonio Cargioli  annuncia la sua permanenza a Bergamo “Come le fenici che si rialzano dalla cenere, rimango a Bergamo per rinascere insieme”.
    “Sono felice di poter confermare un altro anno a Bergamo. Nonostante le repentine partenze di quasi tutti i miei compagni, in un momento di grande indecisione sul futuro della pallavolo a Bergamo, non ho mai avuto alcun dubbio sul fatto di rimanere,  una volta che l’Allenatore, il Presidente, il Direttore Sportivo avevano espresso il gradimento alla mia permanenza. Dispiace che il bel gruppo che si era creato si sia così velocemente sciolto: sarebbe stato bello poter festeggiare la Coppa Italia, conquistata prima della pandemia , insieme ai tifosi ed alla città,  e riprovare , nella prossima stagione, a raggiungere l’altro obiettivo che, prima della sospensione del campionato , ci vedeva ampiamente in corsa.”
    Sulle motivazioni che lo hanno spinto a restare, Cargioli ha le idee chiare: “Per parte mia, pur sapendo di dover andare incontro a qualche rinuncia, ho voluto fortemente mantenere fede ad una società, ad una città e a  persone che mi hanno permesso di trascorrere tre bellissimi anni a Bergamo. Tanto più che la gente di Bergamo ha passato un periodo tragico, con dolori e ferite che faranno fatica a rimarginarsi. E sapendo, come ho potuto sentire in questi anni, che i tifosi dell’Olimpia, e non solo, mi vogliono bene e mi apprezzano, andarmene  sarebbe stato un tradimento, un abbandonare la nave proprio nel momento del bisogno.
    Devo dire che in queste ultime settimane sono  stato contattato anche direttamente da alcuni allenatori  che mi hanno chiesto, anche con garbata e convinta insistenza, di andare a far parte della squadra che stanno allestendo, e ciò mi ha lusingato ed anche inorgoglito e deve inorgoglire anche questa Società ed i suoi tifosi  che mi hanno permesso di crescere tanto ! Ma a tutti ho sempre detto che, anche per la prossima stagione,  sarei rimasto a Bergamo, la mia seconda casa,  e qui sono !”
    Antonio si esprime anche sulla nuova partnership ed il ritorno di mister Graziosi:”Fortunatamente, grazie alla partnership con Cisano, si e’ potuto tornare a parlare di  pallavolo di livello e questo deve portarci a mettere tutti quanti il massimo entusiasmo ed impegno.
    Per me, che tre anni fa dopo una discreta stagione a Reggio Emilia, ebbi la possibilità di venire all’Olimpia e lavorare con Ciccio Graziosi, ritrovare lo stesso allenatore, con la stessa carica, anzi di più, è come ripartire da dove eravamo rimasti (comunque una finale di Coppa Italia a Bari ed una semifinale Play off) con maggiore esperienza e qualche certezza in più. E quindi gli stimoli non mancano di certo.”
    Come si inserisce Bergamo nel panorama della A2? “Da quanto vedo, si sta allestendo un roster  di grande livello, che a me piace molto; non saremo fra le favorite (Siena, Cuneo, Castellana Grotte, degli ex Olimpia e soprattutto Taranto,  con la campagna acquisti sontuosa, sono un passo avanti a noi) ma  credo che, se questa pandemia ci lascerà in pace, ci ritroveremo tutti insieme al palazzetto, convinto che potremo anche quest’anno dire la nostra, divertirci e toglierci le nostre belle soddisfazioni. Ricominciamo a sognare !”
    Antonio Cargioli è sponsorizzato da Tipiesse Impianti sportivi, costruzione ed installazione di impianti sportivi, SPA, coperture e pavimentazioni, specializzato nella realizzazione di impianti e pavimentazioni con materiale sintetico (campi da calcio in erba sintetica, strutture per l’atletica di tipo colato in opera), piscine Spa e centri benessere , tribune e coperture in legno, impianti antishock e antitrauma per i bambini.
    Foto: Luca Giuliani
    Linda Stevanato-Ufficio stampa Agnelli Tipiesse LEGGI TUTTO

  • in

    ACQUARONE:”NON VEDO L’ORA DI TORNARE IL PALESTRA”

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    La Kemas Lamipel ha ultimato la costruzione del Roster per la stagione 2020/21. Il palleggiatore Alessandro Acquarone spiega e delinea il futuro che attende il team biancorosso.
    Le dichiarazioni del classe 99:“Sono sicuro che uscirà un campionato di alto livello, Covid permettendo. Siamo consapevoli che ci siano squadre più attrezzate di noi che mirano a vincere. Nonostante la giovane età della squadra abbiamo tutte le carte in regola per dare del filo a torcere a chiunque e levarci tante soddisfazioni. Dopo mesi di stop sto fremendo per tornare in palestra e iniziare questo nuova stagione. Non vedo l’ora!”.

    Francesco Rossi – Ufficio Stampa

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteIl marchio “Acqua & Sapone” ancora sulle maglie della Top Volley LEGGI TUTTO

  • in

    Conad Volley Tricolore, il libero Cagni riconfermato per la stagione 2020/21

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Il libero Luca Cagni, il più giovane della ‘covata’ Conad, nonché ultimo elemento entrato a far parte della rosa reggiana la scorsa stagione in serie A2 Credem Banca, viene riconfermato anche per la stagione 2020/21.
    Il classe 2001 di San Polo, si è detto estremamente soddisfatto ed onorato per la possibilità e la fiducia dategli dalla società.Gli obbiettivi personali e di squadra per quest’annata sono molto chiari per il libero Reggiano: «Quello che mi aspetto è soprattutto di continuare a crescere come giocatore e a livello personale, imparando il più possibile da giocatori più esperti di me, come Morgese, che per me è un esempio.Avere di nuovo la possibilità di allenarmi e giocare in serie A2, con giocatori di questo livello e un allenatore come Mastrangelo è sicuramente un passo importante per me e per la mia carriera.Darò tutto me stesso per raggiungere i miei obbiettivi».
    Cagni inoltre si è detto felicissimo della possibilità di giocare per la squadra della sua città natale:«Colgo questa occasione per ringraziare la società che mi ha riconfermato, questo rinnovo è molto importante per me.Indosserò ancora la maglia della mia città e questo mi riempie di orgoglio, ho piena fiducia nel progetto e cercherò di farmi trovare sempre pronto da Coach Mastrangelo quando verrò chiamato in causa durante la stagione».

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteRoberti nel reparto schiacciatori

    Prossimo articoloIl marchio “Acqua & Sapone” ancora sulle maglie della Top Volley LEGGI TUTTO

  • in

    CAPRONI COMPLETA IL REPARTO DEI CENTRALI

    Lorenzo Caproni è un nuovo giocatore della Kemas Lamipel. Il classe 2001 completa il reparto dei centrali biancorosso.
    Caproni aveva già giocato con la maglia dei Lupi:“Lorenzo Caproni, classe 2001, centrale di 1.96 cm, nella trasferta a Lamezia si è fatto conoscere dal pubblico siglando il setpoint del 2-0 sui padroni di casa. Lorenzo, uno dei “giovani eccellenti” del vivaio dei Lupi lo scorso 4 novembre, chiamato in campo da Mister Totire, ha fatto ingresso in partita consacrando il suo esordio assoluto in serie A: servito da Acquarone sul 24-20, schiva il muro nemico e mette giù una veloce in zona cinque che chiude il set”, scriveva così questo sito il 13 novembre 2018.
    Il livornese ha iniziato all’età di 12 anni nel Tomei a Livorno, con la quale ha giocato per ben tre anni, dopo l’Under 16 al Torretta (altra società di Livorno) e un anno dopo è approdato nei Lupi: per 2 anni Under18, serie D (primo anno) e serie C (secondo anno).
    Caproni dichiara:“Sono molto contento di questa chiamata visto che i Lupi sono molto conosciuti anche a livello giovanile e sono cresciuto tanto in questi 2 anni. L’ultimo anno l’ho passato in prestito al Tomei dove ho giocato per la serie C”.

    Francesco Rossi – Ufficio Stampa LEGGI TUTTO

  • in

    Molinari chiude il reparto dei centrali della Rinascita

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Terzo centrale in arrivo a Lagonegro. Sarà Micheal Molinari, marchigiano classe 98, 197 cm di altezza, proveniente dalla Menghi Shoes Macerata a chiudere il reparto dei centrali.  Cresciuto nelle giovanile della Lube, Molinari ha giocato due stagioni in serie B con la Medea Macerata per fare il salto in A2 con la formazione della Menghi Shoes, mentre lo scorso anno ha giocato con la formazione della BluieItaly Pineto ,Teramo .
    “Non appena ho ricevuto la chiamata di Lagonegro sono stato felicissimo di accettarla- spiega Molinari- perché vedendo la squadra che stava allestendo la dirigenza , era un’ottima opportunità di giocare insieme a dei giocatori di alto livello. Conosco bene Tiurin che è stato il mio compagno di squadra a Macerata e Maccarone che ho incontrato più volte sul campo nonché fuori. Da questa stagione spero di crescere molto visto anche il roster allestito e ringrazio la società per la fiducia riposta in me. Ho una gran voglia di ricominciare questa nuova avventura, visto anche il lungo stop”, conclude Molinari che insieme a Spadavecchia e Maccarone farà parte dei gruppi dei centrali della Rinascita Lagonegro.

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteUn altro grande colpo di mercato: al centro ecco Marko Podrascanin! LEGGI TUTTO

  • in

    Michele Malvestiti, da Brescia al Pool Libertas Cantù

    Lo scorso mese di gennaio è stato grande protagonista dell’approdo in finale di Coppa Italia di Serie A2 della sua Sarca Italia Chef Centrale Brescia. E per la prossima stagione Michele Malvestiti ha accettato la sfida del Pool Libertas Cantù, andando a rinforzare un roster giovane ma già molto agguerrito.
    “Michele è un ragazzo con qualità fisiche molto importanti – commenta Coach Matteo Battocchio –, che negli ultimi anni ha però trovato poco spazio, giocando in una squadra di altissimo profilo. Sono curioso di vedere quanto la sua esperienza al fianco di campioni come Cisolla e Tiberti gli sia rimasta dentro nel modo di vivere la palestra quotidianamente, perché è da lì che deve partire per dire la sua nel prossimo campionato e nel suo futuro. L’ho sentito molto determinato, sa che è giunto il momento di buttare il cuore al di là dell’ostacolo, e mi aspetto molto da lui”.
    “Il Pool Libertas mi ha fatto un’ottima proposta – dice l’opposto bergamasco –, e, conoscendo già l’ottimo staff, non è stato difficile per me accettare. Ho avuto modo di parlare con Coach Matteo Battocchio, e ho trovato un allenatore con una grande voglia di lavorare, esattamente come me. La squadra è molto giovane: conosco già alcuni compagni, e sono sicuro che il mix tra gioventù ed esperienza che è stato costruito sarà ottimo. Per me è una grande opportunità per continuare nel percorso di crescita iniziato la scorsa stagione a Brescia, dove ho avuto la possibilità di allenarmi con grandi campioni come Tiberti, Cisolla e Gavotto, e il loro esempio è stato molto importante”.

    12LA SCHEDA
    MICHELE MALVESTITI
    NATO A: Seriate (MI)
    IL: 28/06/1998
    ALTEZZA: 198cm
    RUOLO: Opposto
    CARRIERA:
    2014-2015: Pall. Scanzorosciate (Giov.)
    2015-2017: Volley Milano (B2/B)
    2017-2018: Pall. Scanzorosciate (B)
    2018-2019: Volley Milano (B) + Vero Volley Monza (A1)
    2019-2020: Sarca Italia Chef Centrale Brescia (A2)
    2020-…: Pool Libertas Cantù (A2)

    Oro – Trofeo delle Regioni (2014)
    Secondo posto Coppa Italia Serie A2/A3 (2020) LEGGI TUTTO

  • in

    Il palleggiatore Catellani resta a Reggio

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Mattia Catellani, palleggiatore classe 1999 della Conad Reggio, viene riconfermato anche per la futura stagione 2020/21. Questo è il secondo anno in A2 con Reggio per il talentuoso palleggiatore nostrano e Catellani si è detto molto felice e soddisfatto del rinnovo di contratto: «È da quando avevo 14 anni che gioco fuori Reggio – ha commentato l’atleta -, per me è stato un onore oltre che un piacere tornare a casa la scorsa stagione, e questa riconferma non fa che darmi nuovi stimoli per questa annata».
    Gli obiettivi personali e di squadra per quest’anno sembrano essere molto chiari per il giovane regista, che non ha nascosto di essere un po’ amareggiato riguardo l’annata appena conclusa: «Colgo questa occasione – ha aggiunto Catellani – per ringraziare la società che mi ha riconfermato, questo rinnovo è molto importante per me. È soprattutto un modo per rimettermi in gioco e per far capire che la squadra vale molto di più di ciò che ha fatto vedere durante la scorsa stagione. Giocheremo a viso aperto contro ognuna delle nostre avversarie, cercando di raggiungere il miglior piazzamento possibile».
    Mattia si è detto inoltre felicissimo sia del gruppo che si sta andando a creare, sia che la guida della squadra sia stata affidata a coach Mastrangelo: «Ho grande stima del nuovo allenatore, coach Mastrangelo, che ho avuto l’occasione di incontrare come avversario durante l’anno che ho trascorso a Brescia e di cui ho sempre apprezzato le qualità. Ho assoluta fiducia nel progetto di squadra e nelle scelte fatte dalla società, con i miei compagni si è instaurato un ottimo rapporto umano e sportivo, non ho dubbi che anche i nuovi arrivati molto presto entreranno a far parte delle dinamiche e dei meccanismi di squadra».

    Facebook

    Twitter

    WhatsApp

    Linkedin

    Print

    Articolo precedenteTinet rinforza la seconda linea con Denis Pinarello LEGGI TUTTO