consigliato per te

  • in

    MotoGp, test Jerez: caduta per Petrucci, trauma cranico ma è ok

    JEREZ – Paura per Danilo Petrucci, nel corso dei test della MotoGp a Jerez, alla vigilia del primo appuntamento mondiale. Il pilota della Ducati, caduto in avvio del secondo round dei test di Jerez, ha accusato dei giramenti di testa ed è stato portato al centro medico per un controllo. A causare la caduta di Petrucci e quelle di Alex Marquez e Aleix Espargarò molto probabilmente è stata una perdita d’olio. Il test è stato interrotto per 45 minuti per poter ripulire la pista, ora i piloti hanno ripreso a girare.
    Tutto ok
    Petrucci ha accusato capogiri ed è stato sottoposto a controlli: “Solo un trauma cranico, pensavo peggio”, ha detto il ducatista. In ogni caso i medici hanno dato il via libera alla sua partecipazione alla gara di domenica, prima prova del mondiale 2020 LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Marquez vola nei test di Jerez, Rossi ottimo terzo

    JEREZ – La MotoGP riparte da dove si era fermata ovvero dal dominio di Marc Marquez e della sua Honda. Il campione del mondo in carica ha fatto registrare il miglior tempo al termine della sessione mattutina dei test ufficiali di Jerez, chiudendo in 1’37″941. Dopo lo stop forzato della pandemia di Coronavirus, i piloti di MotoGP sono tornati in pista sul circuito che domenica ospiterà il primo Gran Premio della classe regina del Mondiale 2020. Lo spagnolo in sella alla RC213V è stato il più veloce precedendo staccando di 252 millesimi Alex Rins, su Suzuki e di 281 Valentino Rossi con la Yamaha. Quarto tempo per Aleix Espargarò, su Aprilia, a 344 millesimi, e quinto a 371 millesimi Fabio Quartaro, con la Yamaha Petronas.
    Nel corso della mattinata a disposizione di team e piloti, particolare attenzione non tanto alla velocità nel giro secco quanto piuttosto all’assetto in vista di una gara, quella inaugurale, che nasconde tante incognite visto il lungo periodo di pausa forzata. Male le due Ducati di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci rispettivamente diciannovesimo e ventesimo. Bene Franco Morbidelli in nona posizione staccato di 792 millesimi, seguito da Francesco Bagnaia a 851. La sessione pomeridiana dei test di Jerez avrà inizio alle ore 14. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Meregalli: “Rossi avrà una moto ufficiale se dovesse continuare”

    JEREZ – “Se Valentino Rossi decide di continuare avrà a disposizione la moto ufficiale. Conoscendolo andrà avanti ma dipenderà da lui”. Il Team Director della Yamaha, Maio Meregalli, è molto diretto in merito a quello che potrebbe essere il futuro del Dottore al termine della stagione 2020.
    Esperienza fattore decisivo
    Parlando a Sky Sport24, il manager italiano si è soffermato su alcuni punti in merito al presente, e al futuro, del pilota di Tavullia: “Questo campionato sprint di 12 gare potrebbe dare a Valentino qualcosa in più, ha più esperienza degli altri e bisognerà cercare di raccogliere il più possibile. Credo che il fattore esperienza sia decisivo per questo e chi meglio di lui?” ha concluso Meregalli su ciò che la stagione della classe regina, al via in questo weekend sul circuito di Jerez de la Frontera, potrebbe riservare. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Dovizioso: “Clavicola ok, in pista scoprirò come mi sento”

    JEREZ – “Finalmente è giunto il momento che tutti noi piloti stavamo aspettando da mesi”. Andrea Dovizioso è impaziente di tornare in sella alla sua Ducati Desmosedici GP, dopo aver recuperato l’infortunio alla clavicola sinistra rimediato il 28 giugno. Il pilota Ducati sarà uno degli osservati speciali nella giornata di test IRTA organizzata per mercoledì a Jerez de la Frontera, che vedrà in pista nuovamente dopo mesi di stop la MotoGp.
    In attesa di riscontri
    “Inizia il mondiale e questa è una grande notizia per tutti – ha detto Dovizioso – Dopo l’operazione alla clavicola ho continuato a lavorare duramente per cercare di arrivare in forma all’appuntamento di Jerez. Mi sento abbastanza bene, le mie sensazioni sono positive, ma finché non salgo in sella alla Desmosedici GP non saprò esattamente quali sono le mie reali condizioni. Dovremo abituarci al caldo di Jerez e visto il calendario così corto sarà ancora più importante essere costanti e non commettere errori. In ogni caso, poter rivedere la squadra e poter gareggiare è ciò che desidero di più in questo momento”, ha concluso. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Marquez: “Ricominciare sarà eccezionale”

    JEREZ – “Sarà eccezionale”. Marc Marquez non ha dubbi e parla non solo da campione del mondo in carica della MotoGP ma da grande favorito della stagione 2020 che domenica, a Jerez de la Frontera, prenderà ufficialmente il via.
    Offrire un grande spettacolo
    Otto mesi dopo Valencia, il Circus a due ruote riparte ancora dalla Spagna dove è in programma il primo Gran Premio della stagione 2020, pesantemente stravolta dalla pandemia di Coronavirus: “Innanzitutto voglio ringraziare tutti coloro che hanno offerto il loro aiuto e lavorato duramente in questi momenti particolari”, le prime parole del pilota della Honda. “Ora tocca a noi tornare al lavoro, mettere su uno spettacolo eccezionale e intrattenere tutti in giro per il mondo, offrendo un po’ di divertimento e relax in momento così difficili”.
    Marquez ha ovviamente parlato della pista di Jerez poiché “è un circuito che conosco bene e il test di domani sarà importante; anche se abbiamo fatto un po’ di motocross per mantenerci in forma fisica, non c’è niente come una moto MotoGP”. Anche per le moto, come tutti gli altri sport, ci sarà un protocollo rigido anti-Coronavirus: “Dobbiamo adattare il modo in cui lavoriamo per tutelare la nostra salute, ma sono davvero entusiasta di rivedere la squadra e divertirmi a guidare la mia Honda” ha concluso il campione del mondo spagnolo. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Valentino Rossi: “Si riparte: mi è mancata la mia M1”

    JEREZ – “Finalmente possiamo tornare a goderci la MotoGP. È un grande sollievo per me, perché mi è mancata davvero tanto la mia M1 e penso che anche i tifosi siano felici”. Valentino Rossi appare emozionato come il primo giorno di scuola all’idea che, di fatto, da domani la MotoGP ricomincerà la stagione.
    Lavorare duro per il Gran Premio
    Domenica prossima, a Jerez, la stagione mondiale 2020 prenderà finalmente il via ma la classe regina già mercoledì farà rombare i motori. Domani infatti è in programma sul circuito spagnolo una giornata di test IRTA per verificare le condizioni di moto, team e piloti in vista della ripresa ufficiale, in programma venerdì con la prima sessione di libere. Domenica, poi, la gara e come sempre tra i più attesi ci sarà Valentino Rossi, che non vede l’ora di risalire sulla sua Yamaha: “Domani inizieremo la prima sessione di test a Jerez. Il lavoro che abbiamo fatto a Sepang e Losail nelle prime uscite era stato positivo, ma è passato abbastanza tempo. Dobbiamo organizzarci e lavorare duramente domani per iniziare il GP di Spagna con un buon feeling. In ogni caso sono pronto per cominciare questa nuova stagione con il mio team, faremo del nostro meglio” afferma Vale a Sky Sport.
    Sensazioni molto buone
    Sulla stessa lunghezza d’onda del Dottore è il compagno di squadra Maverick Vinales, apparso fiducioso in vista del primo appuntamento della stagione: “Sono felice che l’attesa sia finita” le parole del pilota spagnolo. “Abbiamo chiuso i test invernali in modo positivo, ero contento perché avevo un buon ritmo sia in Malesia che in Qatar: per questo arrivo con buone sensazioni. Jerez però è un circuito differente, domani dovremo vedere com’è al momento la situazione. Non cedo l’ora di tornare in sella, a gas aperto, per ritrovare le sensazioni della gara. Sono felice di ritrovare il mio team, che mi è mancato molto. I tifosi guarderanno in tv il GP, per questo dovremo dare tutto già nei test per essere pronti domenica a lottare per la vittoria o un podio. Rendiamo questa stagione speciale”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Valentino Rossi: “Si riparte: mi è mancata la mia M1”

    JEREZ – “Finalmente possiamo tornare a goderci la MotoGP. È un grande sollievo per me, perché mi è mancata davvero tanto la mia M1 e penso che anche i tifosi siano felici”. Valentino Rossi appare emozionato come il primo giorno di scuola all’idea che, di fatto, da domani la MotoGP ricomincerà la stagione.
    Lavorare duro per il Gran Premio
    Domenica prossima, a Jerez, la stagione mondiale 2020 prenderà finalmente il via ma la classe regina già mercoledì farà rombare i motori. Domani infatti è in programma sul circuito spagnolo una giornata di test IRTA per verificare le condizioni di moto, team e piloti in vista della ripresa ufficiale, in programma venerdì con la prima sessione di libere. Domenica, poi, la gara e come sempre tra i più attesi ci sarà Valentino Rossi, che non vede l’ora di risalire sulla sua Yamaha: “Domani inizieremo la prima sessione di test a Jerez. Il lavoro che abbiamo fatto a Sepang e Losail nelle prime uscite era stato positivo, ma è passato abbastanza tempo. Dobbiamo organizzarci e lavorare duramente domani per iniziare il GP di Spagna con un buon feeling. In ogni caso sono pronto per cominciare questa nuova stagione con il mio team, faremo del nostro meglio” afferma Vale a Sky Sport.
    Sensazioni molto buone
    Sulla stessa lunghezza d’onda del Dottore è il compagno di squadra Maverick Vinales, apparso fiducioso in vista del primo appuntamento della stagione: “Sono felice che l’attesa sia finita” le parole del pilota spagnolo. “Abbiamo chiuso i test invernali in modo positivo, ero contento perché avevo un buon ritmo sia in Malesia che in Qatar: per questo arrivo con buone sensazioni. Jerez però è un circuito differente, domani dovremo vedere com’è al momento la situazione. Non cedo l’ora di tornare in sella, a gas aperto, per ritrovare le sensazioni della gara. Sono felice di ritrovare il mio team, che mi è mancato molto. I tifosi guarderanno in tv il GP, per questo dovremo dare tutto già nei test per essere pronti domenica a lottare per la vittoria o un podio. Rendiamo questa stagione speciale”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Aprilia all'esordio nel campionato eSport

    MILANO – La Aprilia farà il suo esordio nel Campionato MotoGP eSport 2020 con il neonato Team Aprilia Racing eSports: “in sella” ci sarà il pilota ufficiale Francisco Santiago Marín. “Ringrazio molto Aprilia Racing per il supporto che mi sta dando: è davvero una bella sensazione far parte di questa famiglia. Credo che per me non ci potesse essere miglior team di eSport MotoGP dove approdare: Aprilia Racing si sta impegnando tanto in questo progetto e ciò mi fa sentire davvero in forma e fiducioso in vista della stagione. Proverò con tutto me stesso a portare Aprilia alla vittoria”, ha detto. Spagnolo di Cadice, 22 anni, EleGhosT555 si presenta come uno dei candidati alla vittoria finale, avendo già ottenuto nel 2018, da esordiente, il titolo di vicecampione. Pilota di riserva sarà invece il rookie Joel Pedrosa (Joel_Clay), catalano 23enne.
    Nuovo progetto
    “Siamo veramente entusiasti per l’inizio di questo nuovo progetto. Il Campionato MotoGP eSport è in costante crescita e già lo scorso anno ha avuto un seguito importante, dimostrando di saper attirare l’attenzione e la curiosità non solo dei gamer ma anche di tanti giovani appassionati e motociclisti”, ha aggiunto Massimo Rivola, AD di Aprilia Racing. “L’obiettivo di Aprilia Racing per la stagione 2020 è a questo punto il medesimo sia nelle gare reali, sia in quelle virtuali: essere competitivi e riuscire a lottare per il podio. Sono convinto che ci siano tutte le premesse per ottenere dei buoni risultati e sono davvero felice di dare il benvenuto ai nostri pro-player, EleGhosT555 e Joel_Clay, nella famiglia di Aprilia Racing”. LEGGI TUTTO