consigliato per te

  • in

    MotoGP, Lorenzo e Yamaha distanti: in Aprilia come tester?

    ROMA – L’Aprilia potrebbe passare da un Lorenzo, Savadori che sostituirà un po’ a sopresa Bradley Smith per questo finale di stagione 2020 di MotoGP, a un altro. 
    Ritorno al passato
    Secondo Speedweek.com, Jorge Lorenzo sarebbe in trattative con l‘Aprilia per il ruolo di tester nel 2021. Un’indiscrezione tutta da verificare ma che darebbe continuità alle voci che vogliono il maiorchino in rotta con la casa di Iwata. Sarebbe questo per Lorenzo un ritorno al passato visto che con la Derbi ha debuttano in 125 mentre con la Casa di Noale ha vinto due mondiali in 250. L’Aprilia è delle squadre più attive anche perché, in teoria, il suo sarebbe l’unico sedile libero tra i team factory in attesa della sentenza su Andrea Iannone. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGP, Dovizioso ad un passo dalla Yamaha: sarà collaudatore

    ROMA – Il futuro di Andrea Dovizioso sarà svelato nei prossimi giorni. Scartata l’ipotesi Aprilia, le possibilità sono due: Honda e Yamaha. Nelle ultime ore sembra aver preso quota il ritorno nella Casa di Iwata. Secondo quanto riportato da Motorsport-Total.com, il tre volte vicecampione MotoGP potrebbe tornare al magazzino Yamaha dopo l’esperienza con il team satellite Tech3 nella stagione 2012. Dovizioso andrebbe a sostituire Jorge Lorenzo nel ruolo di collaudatore che sembra definitivamente intenzionato ad appendere il casco al chiodo. Escluse anche le ipotesi Aprilia e Honda per il pilota della Ducati. La prima non sembra aver convinto Andrea, nonostante le continue dimostrazioni di stima ricevute in questi mesi sia dall’amministratore delegato Massimo Rivola sia dal suo pilota di punta, Aleix Espargaró; la seconda perché il forlivese ha intenzione di coltivare la sua grande passione offroad e il rischio di infortuni non sarebbe ben gradito alla HRC. La decisione finale su quale costruttore assumerà “Dovi” come collaudatore per il 2021 dovrebbe essere presa “questa settimana”, secondo il manager Battistella. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Viñales: “La Suzuki? Adesso sono di un altro livello”

    FIGUERES – “È impossibile lottare contro la Suzuki per vincere il mondiale, non abbiamo armi. Possiamo solo sperare di avere la migliore moto possibile a Valencia”. Non può dirsi soddisfatto Maverick Viñales dopo il settimo posto di domenica scorsa nel Gran Premio di Teruel: il pilota spagnolo è staccato ora 19 punti dal leader iridato della MotoGP Joan Mir.
    Meglio in curva
    La situazione della Yamaha appare davvero un controsenso: la moto dei tre diapason ha centrato sei vittorie in dodici gare stagionali eppure è dietro alla Suzuki, nel mondiale piloti, che invece ha trionfato solo con Rins nel Gran Premio di Aragona. Tra l’altro Joan Mir, attuale capoclassifica, non è mai salito sul gradino più alto del podio. “Sono di un altro livello” afferma Viñales parlando ad As dei rivali di Hamamatsu. “La Suzuki entra meglio in curva ed è difficile ridurre il gap solo con il gas”. Il problema delle gomme si è riproposto nell’ultima gara ad Alcaniz: “Non avevo grip e quando non si ha aderenza manca la potenza, la moto non gira ed è la solita storia” afferma il numero 12 della Yamaha.
    Petronas moto ibrida
    Il pilota spagnolo appare molto molto sereno nelle sue valutazioni: “Cosa mi devo aspettare per Valencia? Non lo so. Chiedete a Maio Meregalli, perché non ho spiegazioni. Non voglio lamentarmi perché questa è la moto che abbiamo a disposizione e dobbiamo far sì che vada al 100%. Intanto nell’ultima gara siamo finiti davanti a Quartararo e la cosa ci soddisfa molto”.
    Eppure a vincere è stata l’altra Petronas, quella di Morbidelli: “Non è semplice capire come Franco abbia fatto a vincere su un tracciato del genere. La sua è una moto differente, una sorta di ibrido tra quella dello scorso anno e la M1 di questa stagione” conclude Viñales. LEGGI TUTTO

  • in

    Aprilia, Savadori pronto per il debutto in MotoGP

    ROMA – Lorenzo Savadori esordirà in MotoGP, in sella alla Aprilia RS-GP, nel Gran Premio d’Europa, in programma a Valencia dal 6 all’8 novembre. Savadori sostituirà Bradley Smith come pilota dell’Aprilia Racing Team Gresini anche nelle successive tappe che chiuderanno la stagione MotoGP 2020, ovvero il GP della Comunitat Valenciana del 15 novembre, sempre sul circuito Ricardo Tormo di Valencia, e il GP del Portogallo a Portimao il 22 Novembre. Savadori è fresco Campione Italiano SBK avendo dominato la massima categoria del CIV 2020 con sei vittorie e due secondi posti nelle otto gare disputate in sella alla sua Aprilia RSV4 del team Nuova M2 Racing. Una performance straordinaria, ottenuta contro avversari plurivittoriosi che, unita al suo impegno di tester MotoGP portato avanti dall’inizio dell’anno, lo ha condotto all’esordio nella massima categoria del motociclismo mondiale. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGP, Quartararo: “Cercheremo di essere più veloci a Valencia”

    ROMA – “In realtà volevo qualcosa di più dalla gara, perché abbiamo trovato qualcosa che ha migliorato la moto, ma non ci è stato d’aiuto come pensavamo”. Lo ha detto Fabio Quartararo commentando la prestazione nel Gran Premio di Teruel dove è arrivato sesto. “Il feeling non era ottimo, ma abbiamo fatto un po’ di punti e abbiamo completato una gara abbastanza buona. Sono riuscito a lottare e a difendere la mia posizione” prosegue il francese, futuro pilota del team ufficiale di Iwata. Mentre sulle chance di vincere il titolo di MotoGp (ora a 14 lunghezze da Johan Mir), il pilota guarda il calendario: “Cercheremo di essere più veloci nella prossima gara di Valencia, che è una pista che mi piace e nella quale l’anno scorso ho avuto un ottimo feeling – ha sottolineato Quartararo – inoltre lì non sembriamo soffrire di un calo delle gomme, come è stato qui. Quest’anno mancano tre gare e sappiamo quanto possiamo essere veloci. Potrei non essere molto contento del risultato, ma so che abbiamo buone opportunità in arrivo e non vedo l’ora di farmi trovare pronto” ha concluso l’alfiere della Yamaha. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Ezpeleta conferma Valencia e Portimão: “Nessun problema”

    ROMA – “Le ultime gare restano quelle in programma a Valencia e Portimão e al momento non abbiamo ricevuto alcuna osservazione a riguardo”. Lo ha detto Carmelo Ezpeleta, numero uno della Dorna, assicurando che il calendario della MotoGp non subirà alcuna modifica sebbene il numero dei contagi sia in continua risalita in tutta Europa. Il paddock è atteso dagli ultimi tre Gp, due a Valencia (8 e 15 novembre) e poi in Portogallo (22 novembre). “Al momento non è cambiato nulla – continua Ezpeleta – Lo stato d’emergenza in Spagna in linea di massima non ha alcun impatto sulla nostra situazione. Al momento andiamo avanti. Ad ogni modo siamo in stretto contatto con le autorità locali e fin qui non abbiamo ricevuto alcun tipo di informazione a riguardo”. “Ci sono stati dei casi in Austria, e una-due persone negli altri posti, ma la cosa più importante è che, attraverso i test che stiamo facendo, siamo in grado di controllare tutto e conoscere lo stato della situazione – conclude il Ceo di Dorna Sports – In linea di principio, fin qui, non vediamo problemi per il futuro”. LEGGI TUTTO

  • in

    Gp Teruel, Dovizioso: “Brutto risultato, non ho velocità”

    ALCANIZ – Andrea Dovizioso non nasconde la delusione dopo il tredicesimo posto nel Gp Teruel, al termine di un weekend in salita. “Purtroppo oggi ho chiuso con un brutto risultato. Ha senso parlare solo di velocità, cosa che non ho. Non è una questione di motivazione: è brutto correre così, quando non ti puoi giocare certe posizioni come il podio. Questo mi scoccia parecchio”.
    Alti e bassi
    “Ci sono stati alti e bassi di tutti i piloti della Ducati quest’anno. Si cerca di studiare i dati, ma alla fine si guardano i punti in campionato. Di base non abbiamo fatto dei grandi exploit. La situazione non è sotto controllo. Mi metto sotto processo anche io, non mi faccio problemi”, ha spiegato. LEGGI TUTTO